venerdì 10 ottobre 2014

fratellino zuccavuota


Quando ho saputo di essere incinta del Piccolo, la Grande non era affatto grande. 11 mesi appena. 

Quando il Piccolo è nato facendo di lei una sorella maggiore, lei grande non lo era ancora, proprio per niente. 19 mesi e mezzo appena. 

Nonostante la sua tenerissima età, tenera come le sue guance ancora di burro, abbiamo sempre cercato di farle capire cosa stava succedendo, rendendola partecipe dell'attesa e facendo del nostro meglio per prepararla al lieto evento, consapevoli del fatto che per lei, così di primo acchito, tanto lieto forse non sarebbe stato. 
E altrettanto consapevoli che per quanto uno cerchi di prepararsi a certe cose, pronto davvero non lo sarà mai, e l'unico stratagemma per "uscire vincitori" da certe rivoluzioni è mettersi tranquilli ed affrontarle giorno per giorno, senza troppe ansie e concedendosi il diritto di viverne debolezze, scivoloni e piccole cadute. 

Nel nostro piano di "prepara la bimba all'arrivo del piccolo" erano incluse letture e piccoli libri. Data la sua giovane età ovviamente ci siamo orientati su letture molto semplici, storielle brevi in cui fossero le illustrazioni a parlare più delle parole.
Avessi conosciuto questo libro all'epoca lo avrei senz'altro aggiunto alla lista.
La storia non l'avrebbe certo seguita del tutto, tanto meno compresa pienamente. Però le illustrazioni, oh le illustrazioni di questo libro...le avremmo senz'altro guardate e riguardate, ammirate e rimirate, tessendo su di loro parole ed emozioni a sua misura.

"Fratellino Zuccavuota" è un libro delizioso e dolcissimo che abbiamo trovato in biblioteca tempo fa e periodicamente i bimbi riprendono in prestito. Delizioso e dolcissimo proprio come le zucche.
Consigliatissimo a chi sta allargando la famiglia, oltre che la panza, ma anche a chi ama incantarsi con la meraviglia che porta una nuova vita.
"Fratellino Zuccavuota" è raccontato dalla voce di un bambino.
E' la storia di una mamma incinta che canta sull'autobus, perchè quando è incinta è felice e quando è felice canta, sempre e ovunque anche sull'autobus.
La mamma incinta non fa che cucinare zucca, in tutte le salse, perchè sogna un bambino con i capelli rossi e le lentiggini. Come darle torto?
Per fortuna è novembre e le zucche non mancano!
E' la storia di una mamma incinta che d'inverno cuce cappellini di lana per il bimbo che verrà e che si addormenta sempre e ovunque, convinta che questo sia il segreto per avere un bimbo dormiglione.

"Fratellino Zuccavuota" è la storia di un bambino che diventa fratello. Che teme che con tutte quelle zucche il fratellino alla fine nascerà con una zucca al posto della testa. Una zucca vuota per di più!
Da riempire con parole, con i nomi delle cose, con racconti e personaggi, golosità e piaceri, la sabbia, il mare, i granchi e le conchiglie. E con tutti i suoni, i rumori, le voci, le risate, da raccogliere uno ad uno girando per casa con un registratore in mano. Il bambino si cala subito nei panni del fratello maggiore: promette che insegnerà, proteggerà e farà compagnia al piccolo Zuccavuota e lo fa da subito.
"Fratellino Zuccavuota" è la storia di un papà. Che d'inverno prepara assieme al suo bambino fettine d'arancia con lo zucchero per la mamma incinta. Che spiega al suo bambino che "le donne incinte sono belle, ma tanto sensibili"  e perciò van trattate con garbo.

"Fratellino Zuccavuota" è la storia di un bambino che nasce, dopo un autunno, un inverno e una primavera. Nasce quando l'estate scoppia, prima che scppi quel gran pancione della mamma. Nasce senza lentiggini e non ha i capelli rossi, solo perchè capelli ancora non ha, ma "con una testa come si deve :lui, del resto, mi sorrideva sempre con molta riconoscenza, credo soprattutto per le arance e le parole difficili."

"Fratellino Zuccavuota" di Lucia Panzieri, illustrazioni di Samantha Enria, Lapis Edizioni

Questo post partecipa al Vdl

15 commenti:

  1. Non ne ho più bisogno, ma mi piace assai già solo per il titolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già, il titolo è proprio simpatico!

      Elimina
  2. Adoro questo libro e l'hai raccontato benissimo! Lo prendevo un anno fa quando ho "scoperto" la mia terza gravidanza e le bambine lo adorano... coincideva perfettamente con i tempi con la mia gravidanza (infatti Lorenzo è nato a giugno). Ne avevo parlato anch'io, ma ti ringrazio di averlo fatto anche tu... che bei ricordi che mi hai fatto tornare alla memoria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. andrò aleggermi il tuo post, allora! :) lieta di aver "stimolato" la memoria!

      Elimina
  3. Che bella recensione hai scritto! Il libro sembra molto delicato e poetico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, sì, lo è molto. molto più di quanto sono riuscita a far passare qui. grazie mille, e benvenuta!

      Elimina
  4. Non conoscevo questo libro, sembra carinissimo!

    RispondiElimina
  5. Anch'io non ne ho più bisogno però è veramente bello questo libro. Molto carine anche le illustrazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è bellissimo anche se non "serve più"! :)

      Elimina
  6. Risposte
    1. eheheheh...colpita sul vivo, eh sfolli?!? ;-)

      Elimina
  7. Bellissimo!!! Spero che mi serva presto!!
    Oppure lo compro comunque!!!

    RispondiElimina
  8. Il libro è piaciuto tanto tanto anche a noi, ho amato sia la storia sia le illustrazioni! Una bellissima scoperta il tuo blog, foto stupende e parole vere :)

    RispondiElimina
  9. Ma che carino questo libro... Anche i miei hanno la stessa differenza d'età!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...