martedì 19 agosto 2014

quattro giorni di mare

Da bambina non mi ci portavano mai al mare, nonostante fosse ad un'ora di auto da qui. Ho giusto qualche foto di una giornata in spiaggia: io, due anni, senza costumino, la sabbia scura, i parenti sfocati in secondo piano in ordine sparso tra asciugamani e piedi in ammollo. Le altre foto di me bambina al mare mi ritraggono imbaccuccata e a tratti imbronciata, in passeggiate pomeridiane di domeniche invernali. Tutto il resto è montagna. E boschi. E il lago, con le sue dolci acque pesanti, il prato al posto della sabbia, papere e canneti invece di conchiglie e alghe.

Quando poi ho conosciuto il mare mi sono fatta una solenne promessa: non sarebbe più passata estate senza che i miei occhi vedessero il mare. Nessuna estate, anche la più balorda. E questa lo è stata eccome, balorda. Cascasse il mondo, io sarei andata al mare ogni estate. E quest'estate il mondo, il mio mondo è cascato, eccome.


Alle sette di sera del venerdì telefono al campeggio e il sabato mattina siamo in auto. Come nella più tradizionale delle scenette vacanziere italiane, mi ritrovo calata nei panni che ho sempre evitato: io che "in vacanza vado solo a giugno o settembre", io che "ah noi torniamo quando tutti partono e partiamo quando tutti tornano"...che stupida spocchia avevo in bocca. Ora bramo questi giorni come fossero l'ultima razione di cibo sulla terra. Ora spenderei fino all'ultimo dei miei euro per un paio di giorni via di qui, due cose in valigia e la sabbia sotto i piedi, fosse anche in mezzo a milioni di turisti. 
Partire ora, subito. Prima non si è potuto, poi non si potrà. E allora via, andiamo. E' la settimana di ferragosto, la pandina è carica di teli, creme e giochi, noi  in coda come tanti, felici come pochi, andiamo verso il mare. a fare il pieno di sole, onde e noi. Il mare è quello vicino a casa, il mare delle piccole occasioni. 

Quattro giorni. Non uno di più, non uno di meno. Questo è quello che siamo riusciti a estorcere a quest'estate. Quattro giorni a volte possono bastare. E una piccola vacanza di sole e mare sa essere più preziosa del più esotico dei viaggi.
Perchè quando il tuo mondo ti cade addosso, quello che costruisci poi intorno a te è un piccolo villaggio in cui tutto ha, davvero, valore.

Quattro giorni son bastati a farci staccare la spina, a godere di noi e del nostro tempo. 
Quattro giorni son bastati a farci sentire "a casa", a rendere nostra quella casetta nel campeggio, abitarla di noi, dei nostri buongiorno che si vedono dal mattino e il mare che si vede dalla veranda e la buonanotte data a sorsi di birra fredda.
I tesori raccolti in vista dell'inverno, i giochi che riempiono i pochi momenti in cui non c'è sabbia tra le mani, le allegre brigate che ci accompagnano ovunque e riempiono gli angoli, quasi a marcare il territorio.
Quattro giorni son bastati a fare estate. Un ombrellone nuovo. E anche una ciambella nuova. E una pallina. E le biglie. Tutto coloratissimo. Eravamo talmente belli, carichi e decisi a prenderci la nostra fetta d'estate che il cielo non ha osato sfidarci. Si velava ogni tanto, ci provava a farsi cupo e denso, ma poi rinunciava, batteva in ritirata e il sereno trionfava. E noi con lui. 
Quattro giorni di bel tempo senza interruzioni. Una rarità in quest'estate anomala. Un piccolo risarcimento che ci spettava di diritto.
Quattro giorni e abbiamo goduto di ogni mattino. Di ogni attimo. Di ogni abbraccio della sera. 
Finalmente la sabbia. Finalmente il sole. Finalmente il mare. Bagni a volontà e castelli di sabbia. Conchiglie rotte sotto i piedi e alghe tra le dita. Pelle calda e gocce di acqua salata che cadono sulle spalle, regalando brividi di freschezza  e vita. Corse sulla spiaggia, storie di pirati, sogni di futuro.
Fino al tramonto. Fino a quando sulla spiaggia non restava (quasi) nessuno: noi, i gabbiani, qualche cane e la luce.

31 commenti:

  1. It looks like you had a wonderful time, Shaula. I grew up not far from the ocean but only went a few times. I don't live near the ocean now, but I try to visit whenever I can. I'm glad your children have the chance to spend time near the sea, they clearly loved it.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, they loved even more than me! Sand and Sea make them really crazy! and it's such a joy watch them play and laugh, happy and serene.

      Elimina
  2. Le tue foto sono così pulite, così evocative. E la tua scrittura è una perla rara. Se posso permettermi: quale obiettivo usi? un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille per queste parole, davvero. mi fa un enorme piacere sapere che ti piace qui, da me. per l'obietivo..ti ho risposto da te!

      Elimina
  3. Molto bello questo racconto fotografico ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! sì, fa un po'teleromanzo...mancavano solo i fumetti! a presto! ;)

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. ..questo si chiama "Saper guardare il lato bello delle cose"..
    sei davvero brava.. emanuela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una cosa che cerco di fare sempre. in questo periodo poi devo proprio farlo, è una sorta di dovere morale e allo stesso tempo un salvagente per stare a galla. grazie mille, a presto!

      Elimina
  6. Bellissimo post. E che tenerezza quella manina sull'enigmistica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che vacanze sarebbero senza enigmistica?!? po è bene cominciare fin da piccoli! ;)

      Elimina
  7. Immagini bellissime...quando una persona la poesia ce l'ha dentro basta veramente poco per trasformare anche le cose più piccole in gemme preziose.
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, grazie..mo' così mi fai arrossire, davvero. u abbraccio anche ate, leggero e fresco

      Elimina
  8. ¡Qué bellas imágenes! Solo cuatro días, pero llenos de intensidad y color. Un beso :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. colore e allegria, leggerezza e gioco, era quello che cercavamo..e l'abbiamo trovato!

      Elimina
  9. Anche a me i miei non mi portavano mai al mare, almeno da piccolissima. E dire che noi il mare ce lo abbiamo proprio a portata di mano! Me ne stavo in terrazza con i piedi in una bacinella e gli occhi chiusi, a far finta che quel sole sulla pelle era anche acqua e salsedine. Avete fatto bene a dar sfogo all'urgenza! Tanto ovunque c'è bellezza se la si sa trovare! Un abbraccio e ancora buona estate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, a discolpa dei miei posso dire che il mare che abbiamo qui non è certo dei migliori e le spiagge sono sempre state oggetto di sfruttamento turistico, quindi molti lidi con alberghi alle spalle, spiagge affollate e soprattutto gran code il weekend, cosa che spesso demotiva anche noi a frequentare questo mare, preferendone altri, più lontani ma senz'altro migliori. però...non si può tenere un bambino troppo a lungo lontano dal mare, proprio no!
      buona estate anche a te, e benvenuta!

      Elimina
  10. Io al mare ci vivo, ma in Liguria e so quanto può essere importante la sua presenza ;) Peccato che quest'estate sia balorda, qui in Liguria il tempo è stato uno schifo.. ma anche col mal tempo un po' di salsedine e sabbia sono rigeneranti! A presto :)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordissimo, io credo di avere proprio una necessità fisiologica, un fabbisogno annuo di sabbia e salsedine da soddisfare, pena la crisi di astinenza.
      mi dispiace per il mal tempo, anche qui si è fatto sentire parecchio, e purtroppo con danni tragici.
      a presto e benvenuta!

      Elimina
  11. A me i tuoi racconti mi mettono sempre di buon umore e la tua estate mi ricorda la mia dello scorso anno: quattro giorni in cui ci siamo giocati tutto ed è stato bellissimo. Forse già te l'ho detto ma mi ripeto: sei bravissima a far foto e quell'ombrellone e' strepitoso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. son felice di averti messo allegria. e mi consola sapere che non sono l'unica ad aver passato un'estate così stanziale..a volte mi sembra di essere circondata d a gente che non fa che partire, viaggiare, andare, che sta mesi al mare, sale e scende da aerei e traghetti e in tre mesi fa i viaggi e le vacanze che io faccio in cinque anni. poi è proprio come dici tu: quando uno ha "poco" se lo gode tutto!
      le mie foto e l'ombrellone (bello eh, preso al market del campeggio!) ringraziano! :D

      Elimina
  12. Così si fa: bravi! E' l'atteggiamento giusto per godersi al massimo quello che l'estate - e non solo - può dare. E poi le foto fanno venire proprio voglia di vacanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. atteggiamento giusto sempre! o almeno ci provo! ;) eh,,infatti devo guardarle poco 'ste foto, che mi vien da rifare la valigia! grazie e a presto!

      Elimina
  13. Mi accodo alle altre…belle foto! anche qui non c'è estate senza mare e senza…settimana enigmistica! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh sì, parole crociate a go-go! grazie!

      Elimina
  14. Seppur in silenzio non ho mai smesso di leggerti e rileggerti. Spero che tutto ciò che ti preoccupa si risolva presto, come una bolla di sapone. Le tue foto sono sempre meravigliose per gli occhi e il cuore. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie verdiana, grazie davvero. si risolverà tutto. deve risolversi tutto. non ammetto alternative!

      Elimina
  15. Stupendo questo post. Meravigliose le tue fotografie, trasmettono voglia di vivere, felicità, entusiasmo, dolcezza. Tanti sentimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e proprio di vita, felicità, entusiasmo e dolcezza avevamo bisogno in quei giorni. siamo andati a prenderceli, determinati e cocciuti! grazie!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...